Liuteria CNC o lavorato a mano?


La tecnologia è un’ estensione del braccio e del cervello, ma se questi due peccano di intelligenza non si potrà avere certamente un buon prodotto finale

Argomento molto discusso, spesso in maniera troppo animata e senza i giusti approfondimenti. Come si può immaginare il mondo dell’artigianato non è più lo stesso di 50 anni fa, non è più nemmeno quello di 10 anni fa, perchè la tecnologia è continuamente in evoluzione. Basti pensare a tastiere “plekkate” , lavorazione controllo numerico, pantografi manuali, verniciature ad olio ad essicazione UV su staffe girevoli, lavorazione laser per incisione, ecc… Questi sono solo alcuni esempi, ma il cambiamento nei metodi di lavoro è notevole e riguarda sia il mondo classico che il mondo elettrico. Ho sempre guardato molto affascinato l’Universo della Liuteria, a cui appartengono il mondo degli strumenti ad arco a pizzico e il mondo della liuteria elettrica; vasto argomento da approfondire dal punto di vista della tecnologia del legno, dell’elettronica e della chimica. Sicuramente troppo da affrontare in maniera totalmente empirica, lo studio è sempre stato necessario, oggi più che mai. La tecnologia ha in qualche modo ampliato questo universo, avendo reso certe operazioni più veloci e a volte anche più precise. Infatti non sempre è praticabile la lavorazione “pura” a mano.

La tecnologia è un’ estensione del braccio e del cervello, ma se questi due peccano di intelligenza non si potrà avere certamente un buon prodotto finale. La soggettività del liutaio è fondamentale, essendo dotata di senso artistico oltre che di intelligenza. Perciò chi pensa di dover scegliere tra liuteria CNC o liuteria a mano, in base a termini di principio, sbaglia semplificando il discorso. Si tratta di metodologie di lavoro diverse, che non pregiudicano il talento artistico o intellettuale dell’artigiano.

Maestro Federico Cesarini
Liuteria cnc su violoncello da studio
Lavorazione cnc su violoncello da studio

Si pensi a confrontare la lavorazione a controllo numerico sui tre assi x-y-z (o anche 4, con l’asse rotante) di un “bravo liutaio” italiano con quella moderna a 5-6 assi di un centro di lavoro orientale. Il confronto è molto interessante. Partiamo dal bravo liutaio, che per prima cosa disegnerà il progetto dello strumento musicale nei minimi dettagli. C’è chi si limita a eseguire solo i perimetri e gli scassi, chi realizza anche incisioni, chi pensa alla costruzione di ogni singola parte (nel caso di strumenti elettrici battipenna, cover, ponte, ecc…). Il liutaio seguirà la fresatura del legno durante tutti i suoi passaggi, perchè conosce benissimo l’importanza del pezzo che sta lavorando e non vuole che la macchina sbagli o che il progetto prenda pieghe non previste. Perchè putroppo, al di là della precisione del mezzo cnc, l’errore è in realtà molto facile in sede di progettazione, con conseguente rischio che si possano rovinare legni pregiati o frese di alto valore. In molti casi le fresature non daranno un prodotto finito, ma un qualcosa di ancora grezzo a cui il liutaio darà la forma finale. Da questo si capisce quindi che il gusto dell’artista non verrà completamente omesso nelle operazioni, ma verrà solamente velocizzato. Per quanto mi riguarda ad esempio non concludo mai a macchina lo smusso di un body, la “C” di un manico o la bombatura / scasso di un violoncello da studio, perchè preferisco fare un lavoro più preciso e peculiare. Specialmente negli strumenti ad arco da studio (Cesarini Pro Studio) preferisco fare solamente i perimetri delle tavole, i fori delle “ff”, lo scasso del filetto e una leggera sgrossatura della bombatura superiore. Tutte le operazioni che desiderano controllo della lavorazione frequente o estro artistico, non dovrebbero essere svolte a cnc. Nel secondo caso, ovvero in un centro di lavoro industriale, il discorso è molto diverso. Il pezzo viene traslato secondo più assi da un braccio meccanico (5-6 assi) o lavorato secondo 4 assi, di cui uno girevole (quindi un tornio cnc). Si capisce che il pezzo verrà scolpito in tutte le sue parti, anche un riccio di un violino non sarà un problema da lavorare. Le operazioni successive saranno di levigatura del pezzo (fatta a mano da un operatore) e verniciatura (ad immersione o a spruzzo controllato sempre elettronicamente). Quindi il manufatto è completamente prodotto a macchina e ripetuto sempre uguale (anche negli errori).

Manico lavorato a mano
Manico lavorato a mano

Per quanto mi riguarda ad esempio non concludo mai a macchina lo smusso di un body, la “C” di un manico o la bombatura / scasso di un violoncello da studio, perchè preferisco fare un lavoro più preciso e peculiare. Specialmente negli strumenti ad arco da studio (Cesarini Pro Studio) preferisco fare solamente i perimetri delle tavole, i fori delle “ff”, lo scasso del filetto e una leggera sgrossatura della bombatura superiore. Tutte le operazioni che desiderano controllo della lavorazione frequente o estro artistico, non dovrebbero essere svolte a cnc. Nel secondo caso, ovvero in un centro di lavoro industriale, il discorso è molto diverso. Il pezzo viene traslato secondo più assi da un braccio meccanico (5-6 assi) o lavorato secondo 4 assi, di cui uno girevole (quindi un tornio cnc). Si capisce che il pezzo verrà scolpito in tutte le sue parti, anche un riccio di un violino non sarà un problema da lavorare. Le operazioni successive saranno di levigatura del pezzo (fatta a mano da un operatore) e verniciatura (ad immersione o a spruzzo controllato sempre elettronicamente). Quindi il manufatto è completamente prodotto a macchina e ripetuto sempre uguale (anche negli errori).

Liuteria cnc, Paris eye su cordiera ebano
Paris eye su cordiera ebano

Si potrebbero fare dei discorsi etici a riguardo dell’utilizzo di una controllo numerico in un laboratorio artigiano elettrico, ma sarebbero fuori luogo per varie ragioni. Velocizzare la lavorazione, perchè di questo si parla, con un pantografo manuale o con cnc, pone le stesse problematiche. Sempre si lavora il legno con un sistema elettro-meccanico “a copia”, per fare prima. Approfondiamo questo confronto, rimanendo nella liuteria elettrica. Chi lavora con cnc ha nell’ordine: progettazione su computer (2d e 3d), fresatura su macchina tramite codice realizzato su computer. Chi lavora su pantografo manuale avrà lo stesso percorso, solo più lungo: progettazione su computer del disegno, preparazione della dima realizzata in base a disegno, trasferimento della dima su un modello di legno dove il pantografo manuale potrà “sbattere” il cuscinetto della fresa al fine di riportare su manufatto il progetto. Altri metodi di lavorazione non li elenco (scalpello o utensili) perchè di fatto nessuno li utilizza nelle lavorazioni di scasso, bensì nella rifinitura.


Parlando di liuteria classica, il manufatto completamente fatto a mano è più logico…

… anche noi realizziamo i nostri strumenti ad arco professionali e chitarre classiche senza usare macchine controllate (eccetto sega a nastro, pialla e calibratrice). Questo sopratutto perchè si modificano i perimetri (dime), spessori e le misure per ogni strumento (anche in base al legno), di conseguenza la realizzazione di un progetto 3d ripetibile porrebbe molte limitazioni. Discorso differente si può fare per uno strumento da studio semi-professionale, che per essere acquistabile da una famiglia “normale” non può che essere realizzato più velocemente. Come ho già chiarito in altri blog, uno strumento fatto realmente a mano non può costare meno di certe cifre, a meno che non si parli di liuterie in start up o vere e proprie fregature. Per questo i professionali sono rivolti a professionisti, amatori, collezionisti.

Lavorazione a raspa su manico
Lavorazione a raspa su manico

Realizzare strumenti ad un prezzo più accessibile, ma che mantengano una certa qualità, è il modo migliore per contrastare la vendita di strumenti dell’Est, che per quanto possano essere fatti bene, dovrebbero rimanere nella fascia entry-level, in virtù dei legni utilizzati (minori) e delle metodologie di lavoro più approssimative. Inoltre le lavorazioni a cnc permettono di poter creare parti plastiche, metalliche e lignee (ad esempio accessori per strumenti ad arco e per a. per strumenti elettrici) nella propria sede di lavoro, limitando quindi l’acquisto di semilavorati orientali.

Vedo bene, di conseguenza, il nuovo approccio della liuteria cnc italiana, se si mantengono saldi i principi del lavoro di qualità. Vedendo intorno a questo tema molta confusione, mi chiedo se ci vorrebbe più trasparenza e onestà nella comunicazione, dato che è il cliente spesso a chiederla.

Costruzione violino a mano
Costruzione violino artigianale

Cesarini Jam Session 4.2, Valter Vincenti trio (chitarra Cesarini)

Valter Vincenti, chitarra Cesarini C-MOP con pickup C-Big Beat
Lusi basso Cesarini C-Precision mod.2 con pickup C-Close Strings (mod. flat poles)
Special Guest: Saverio Federici, batteria

Jamming on “La notte del Guerre” (brano di Valter Vincenti)

Cesarini Jam Session 4.2

CesariniJamSession è una produzione LiuteriaCesarini.

Gli strumenti e i pickup in gioco

C-Big Beat
C-Big Beat, Cesarini pickups
chitarra Cesarini Vintage Series
C-MOP, chitarra Cesarini Vintage Series

Pickup Big Beat

La ricerca del suono “semplice”, ma che abbia una certa proiezione in frequenza, non è mai stata scontata. I C-Big Beat strizzano l’occhio ai Gibson ’59, ma ne stravolgono l’essenza e il design. Un suono diretto molto efficace nei crunch, nelle ghost note, ma anche nei clean pop. Perfino nel jazz molti li hanno trovati degli ottimi compagni di viaggio (e di registrazione). Già stati montati nelle chitarre di Valter (nella Eko Aqua, come ricordiamo nel blog Valter Vincenti endorser).

Chitarra Cesarini C-MOP

Big Beat montati sulla chitarra Cesarini C-MOP,  che esprime alla perfezione il loro timbro. Les Paul tipo Gibson, chitarra Cesarini della Vintage Series , dalle caratteristiche molto interessanti. Ha camere tonali al di sotto del top, che aumentano il sustain delle armoniche più alte in frequenza. Questo timbro è perfettamente captato dai pickup, che essendo nasali al punto giusto, non risultano troppo aspri o brillanti, ma aperti di suono e con proiezione notevole. Le ghost note non vanno perse, si sentono tutte. Anche il palm muting e tutte le tecniche relative a ritmi reggae, funky, rock risaltano con questo setup. Si presenta meglio alla pagina.

Basso Cesarini C-Precision m.2

verniciatura C-Precision m.2

Modifica del primo C-Precision (lo usò Giacomo Rossetti nella tournè Negrita 2015). Basso elettrico dalle forme tipiche Fender, con manico dal capotasto stretto e manico bombato a forma di C. La particolarità è nel taglio di frequenza del body in frassino, che sembra ricordare un Music Man. Il frassino risuona ad armoniche con frequenze medio-alte che vengono gestite dallo split coil Close Strings (a poli piatti) di nostra creazione, con molta definizione. Il suono generato è molto diverso da un Precision Fender, meno “grosso” e più sottile, utilissimo in musica rock, rock/punk, fusion e per tutti quelli che cercano un suono di basso Precision tagliente. Unico controllo di volume, come un giorno mi consigliò di fare un bassista

Violino da restaurare, a “cuore” aperto

Paragonare l’apertura di un violino da restaurare ad una complessa operazione chirurgica, quale è l’apertura del torace umano, è giusto? Direi di no, ma si possono trovare molte similitudini.

Violino restauro

L’apertura di uno strumento è sempre possibile, talvolta sconsigliata perchè invasiva, ma che invece reputo spesso indispensabile e soprattutto, nel caso in cui ovviamente si lavori con cognizione di causa, migliorativa.

Come un’ operazione chirurgica, che vuole ripristinare le funzioni del cuore, allo stesso modo nel violino da restaurare si vuole ripristinare la sua “voce”

Continua a leggere Violino da restaurare, a “cuore” aperto

Liuteria Cesarini Expo – Pioracoustic 2017

Expo di Liuteria Cesarini – Pioracoustic 2017 (Centro degli studi Biblici – Montefano). Ringraziamo Danilo Vecchi e il Centro Degli Studi per l’organizzazione.Esposizione di liuteria in tre giorni a “Pioracoustic 2017” (earthquake edition), presso il Centro degli Studi Biblici.

Continua a leggere Liuteria Cesarini Expo – Pioracoustic 2017

Jam Session – Alfredo Golino e Antonio Lusi

Una Jam Session da guardare senza riprendere fiato.

One More Dub, studio di registrazione a Orvieto ed etichetta discografica, organizza questo “scontro” musicale tra i due musicisti, Alfredo Golino e Lusi.

Lusi suona con C-Gold Bronze, Cesarini Vintage Series ’70.

Lusi - Bassista
Lusi

Ricordiamo alcune prestigiose collaborazioni di Alfredo Golino. “Mina, Laura Pausini, Gianni Morandi, Vasco Rossi, Raf, Pino Daniele, Renato Zero, Eros Ramazzotti, RAF, Battiato, Fiorella Mannoia, Riccardo Cocciante, Anna Oxa, Ornella Vanoni, Marco Masini, Michele Zarrillo, Alice, Anna Oxa, Zuccero Fornaciari, Bocelli, Joe Coker, Tina Turner, Enrico Ruggeri, Platters, Enrico Rava e molti altri”

Ringraziamo Alfredo Golino e Lusi che ci regalano circa 10 minuti di jam session lineare, i due musicisti si sono praticamente conosciuti suonando e questo è notevole ai nostri occhi. SNAP Production ha pensato alle riprese dell’evento.

Legno per liuteria, quale stagionatura e come lo cerchiamo

La ricerca del legno, per la realizzazione di strumenti musicali, è una disciplina molto importante per il liutaio, richiede il suo massimo sforzo nella ricerca online e fisica del materiale.

Se ormai si può dire, per la maggior parte delle cose, che il mercato online è più vasto e ricco di molti altri, stessa corsa non si può affermare per il mercato del legno. Questo a volte lo si trova nelle maniere più inaspettate, …

Legno per liuteria
Legno per liuteria

… da un anziano liutaio che chiude, da un falegname che ne ha comprato troppo per se, da un contadino che taglia la propria pianta sotto casa. Ovviamente la stagionatura del legno deve essere fatta, soprattutto nel caso in cui la pianta sia stata recentemente abbattuta. Discorso diverso si fa per il legno preso da un liutaio, che spesso ha comprato il legno già stagionato e agli inizi della sua attività.

Mastro Federico Cesarini, appuntamento Musica e Liuteria, con Federico Galieni. presso Orto medievale / botanico di perugia (s. pietro).

In Atelier Cesarini spesso selezioniamo legni stagionati almeno 10-20 anni, ma grazie alla disponibilità di vecchie liuterie che finiscono attività, possiamo avere legno stagionato fino a 40-50 anni. Questo prezioso materiale crea la differenza nella produzione. I legni migliori non vengono usati per la produzione di strumenti da studio, bensì per i soli strumenti professionali.

Musica e Liuteria, il “Wilson”

“Musica e Liuteria” è un appuntamento di conoscenza della nostra liuteria attraverso musicisti umbri.

Violini dell’Atelier Cesarini provati dal Maestro Federico Galieni.

Nell’episodio n. 1/5 presentiamo un il violino professionale “Wilson“, dalla finitura scura a poro aperto. E’ un violino artigianale costruito nell’Atelier Cesarini. Il suono del violino nel video è caldo e allo stesso tempo molto ricco di armoniche superiori ed inferiori alla fondamentale, risulta inoltre forte di intensità. Le corde montate sono le Atelier Cesarini n.8.

 

Tavola abete rosso
Wilson tavola

 

 

Pickup artigianali, Cesarini

Cesarini Sound con Stefano Cerisoli

C-Shapely e C-Big Beat a confronto ( Cesarini Pickup artigianali ) montati sulla Stratocaster USA di Stefano Cerisoli.
Ampli: Fender deluxe
Effect: Vemuram jan ray

Stevie Ray Vaughan – Couldn’ t stand the weather


Nel video S. usa i pickup artigianali Cesarini, al manico del set C-Shapely, poi in successione il ponte Humbucker C-Big Beat e nuovamente il single coil al manico.

Stratocaster Stefano Cerisoli
Stratocaster Stefano Cerisoli 2016

Ricordiamo che …

Continua a leggere Pickup artigianali, Cesarini

C-Reptilia, serie Masterbuilt – chitarre custom di liuteria

C-Reptilia tagliente come una lama!

custom guitars
custom guitars

E’ della serie Masterbuilt, ovvero uno strumento custom completamente personalizzato e artigianale.

 

Il suono dei suoi pickup (Cesarini pickups) e le sue forme strizzano l’occhio al concetto di chitarra Ibanez, ma la tastiera, il manico, i tasti e il ponte mantengono le caratteristiche Fender Stratocaster. Tasto oro Jescar fret (USA) semi jumbo (circa 2,4mm) in acciaio inox, corona alta circa 1,2mm (quindi abbastanza alto), permette una perfetta resa d’intonazione.

custom guitars
custom guitars

Elettronica tipica strat, volume tono tono con switch a 3 vie e aggiunta di un selettore per avere la versatilità dei suoni (combinazione ponte+manico e tre pickup insieme).

Il battipenna è speciale, un policarbonato specchiato e spaccato, crea un effetto corazza simil-rettile, da lì il suo nome. La verniciatura contribuisce a rafforzare l’effetto “iguana”.

Cool electric guitar for sale
Cool electric guitar for sale

Manico stratocasteriano, spesso di “C” ma più fino al capotasto. Da lì le corde tirano dritte alla paletta, dove l’angolo è studiato alla perfezione, di modo che non ci sia bisogno dell’abbassa corde al Re-Sol, che spesso fa diventare questi due registri duri da suonare alle prime posizioni. Ponte tremolo Wilkinson, bello fluido, che non perde l’accordatura facilmente.

E’ uno strumento IN VENDITA, unico e non ripetibile. per creare il tuo strumento vai su MY Guitar.
Vuoi sentirla suonare? Clicca qui

Stefano Cerisoli endorsement

Con Stefano ci siamo conosciuti attraverso verso il 2016, era primavera e lui stava per prepararsi per la tournè di Patty Pravo, che avrebbe avuto luogo in Italia d’estate. Mi ha fatto vedere la sua Stratocaster Fender, che non lo convinceva appieno di setup e di suono. Abbiamo fatto un bel cambio tasti, cambio capotasto (aveva un roller nut, che non mi sembrava posizionato nel migliore dei modi) dopodichè abbiamo provato il nostro set di pickup single coil C-Shapely.

Stratocaster Stefano Cerisoli + pickup Cesarini C - Shapely
Stratocaster Stefano Cerisoli + C-Shapely
C-Shapely pickups Cesarini
montaggio del set C-Shapely

I pickup C-Shapely sono un set dalle qualità timbriche molto simili nelle tre posizioni. Quindi non c’è un ponte troppo squillante o manico troppo scuro e gonfio, il suono è sempre fedele ad una certa sonorità. La compensazione di volumi tra le varie posizioni avviene quindi non attraverso un’impedenza progressiva, ma attraverso disposizione dei magneti. Il risultato è un set molto interessante- utilizzabile in qualsiasi genere, ma che da il massimo nel pop, funky, rock. La bobina è realizzata in bachelite dielettrica, che rende il loro look decisamente vintage.

Da questo nostro primo incontro è nata una collaborazione. Prepareremo Stefano Cerisoli anche per il tour Masini. Quì ci ha dato una piccola dimostrazione dei pickup appena montati.

Stefano Cerisoli endorsement Cesarini Pickups

Biografia segue:

Continua a leggere Stefano Cerisoli endorsement