Suonare il violino o il violoncello

Primi passi dopo aver comprato lo strumento ad arco

<< Oggi abbiamo un violoncello da studio e voglio farvi vedere quali sono le risposte alle domande più frequenti di un allievo, o di chi per lui (genitori), si interessa a uno strumento ad arco. Praticamente quello che mi viene chiesto solitamente è “Ma quali sono le prime cose che devo fare al mio strumento?” perché inizialmente lo si compra da studio, sarà quindi di una certa fascia di costruzione, economica, che avrà un controllo di qualità altrettanto economico. Di conseguenza ha bisogno di alcuni interventi di setup di manutenzione relativamente semplici, anche abbastanza economici. La prima domanda è sicuramente “Ma come fanno a suonare il violino o il violoncello?” Non è una domanda superficiale, le corde con un archetto non impeciato non suonano perché effettivamente l’archetto scorre sulla corda e non la sfrega cioè, diciamo ci scivola sopra . Quindi il primo passo è di prendere la colofonia dalla custodia, intaccarla leggermente e sfregarci sopra il crine. Tendere l’archetto senza esagerare, la bacchetta non deve essere né troppo dritta né troppo poco, a questo punto cominciare a sfregare . Ovviamente ci vuole qualche minuto, per i più inesperti anche qualche buon minuto! Bisogna fare un movimento veloce perché il calore la stende più velocemente. A seguire ci sarà una parte 2 in cui spiego quali sono le parti dello strumento che dovremmo portare sotto manutenzione la prima volta che compriamo un violoncello o un violino >>

Per impeciare l’archetto non usate le colofonie nei set da studio che comprate, è meglio utilizzare una pece migliore. Il costo è irrisorio, rispetto al tempo che la potrete utilizzare. Un pacchetto di pece può durare a uno studente fino a due anni. Consigliamo le seguenti (colofonia Corelli Bernardel e Royal Oak) , le potete trovare anche nei negozi fisici più specializzati.

 

 

Consigliamo già in altri articoli quali sono secondo noi gli strumenti più giusti da comprare ad inizio studio. Ovviamente si può anche pensare al noleggio di uno strumento migliore.

Guida all’acquisto di un violino da studio

Guida all’acquisto o noleggio di un violoncello da studio base o semiprofessionale.

 

 

Umberto Fiorentino sceglie Cesarini Pickup

 

Umberto Fiorentino Big Beat
Umberto Fiorentino prova i Big Beat

Al Cesarini Custom Shop non tutti i giorni sono uguali, può accadere che un grande nome della chitarra jazz, come Umberto Fiorentino, varchi la porta del laboratorio…

Umberto Fiorentino chitarra
Umberto Fiorentino

Umberto, nasce a Roma il 5 febbraio del 1956. Esordisce negli anni settanta crescendo al fianco di molti dei musicisti con i quali intreccerà nel tempo alcune delle sue collaborazioni: Roberto Gatto, Danilo Rea, Riccardo del Frà, Maurizio Giammarco, Nicola Stilo, Ettore Fioravanti etc.  Con alcuni di essi si ritrova in “Lingomania” storico gruppo premiato nel 1985 e nel 1987 dal referendum della critica nazionale indetto dalla rivista “Musica Jazz” nella categoria “Miglior gruppo di Jazz italiano”.

 

Umberto viene a conoscenza del Cesarini Custom Shop attraverso l’endorser Valter Vincenti e la LP C-Mop , realizzazione Cesarini Vintage Series ’70. L’amore per la voce dei pickup C-Big Beat (montati sulla C-Mop in set), sembra essere a prima vista. La curiosità di Fiorentino è di capire se il pickup avrà potenzialmente la stessa sonorità su di un’altra chitarra, in particolare sulla sua “Schottmueller tele guitar” . Come sempre ho sostenuto in questo blog, i pickup hanno effettivamente una voce diversa su ogni strumento, molte sono le variabili, ma provare non costa nulla, perciò Umberto ed io ci diamo appuntamento alla Liuteria Cesarini.

Umberto Fiorentino Liuteria Cesarini
Umberto Fiorentino presso Liuteria Cesarini (Grazie ad Anna)

U. porta con se la sua tele masterbuilt, dopo avergli dato un’occhiata cambio il pickup con un C-Big Beat neck e lo regolo in base allo strumento, le corde montate e il tocco del musicista. Dalle parole di U. capisco che le peculiarità del pickup, che sono particolarmente piaciute, sono l’attacco veloce e il “piglio” sulle alte, particolarmente predominante nel suono. Infatti in un secondo tempo mi rivela che il Big Beat probabilmente sarebbe adattissimo in una semi acustica (ma questa sarà una storia per il prossimo articolo…).

Procediamo alla prova in Atelier, su amplificatore Fender, cercando di capire all’atto pratico, come il pickup lavori con lo strumento e con il musicista. In seguito ad altre piccole variazioni, di posizione e di viti, il pickup sembra soddisfare molto U. .

A questo punto non rimane che andare a pranzo! Ci lasciamo con l’intenzione di rivederci presto a Roma, con l’occasione documentare al meglio il nuovo sound.

 Umberto Fiorentino – All the things you are

Fonti: http://www.umbertofiorentino.com/biografia.html

Tag: Umberto Fiorentino Pickup

BONUS STRADIVARI 2018 NOVITA’

Possiamo garantire il ritiro del Bonus Stradivari 2018, fino a esaurimento fondi (10 milioni di euro). Il plafond è poco rispetto alle possibili domande, perciò vi consigliamo di fare subito richiesta di preventivo presso Atelier Cesarini, cominciando già da gennaio a cercare il vostro strumento.

Chi ha già usufruito del Bonus Stradivari da 1000,00 euro (Bonus 2016), potrà richiedere il Bonus Stradivari 2018. La parte finale che verrà scontata sarà diminuita di -1000 euro.

Bonus 2018, applicazione:

  • Estensione del Bonus agli studenti di tutti i corsi dei Conservatori, degli ISSM e degli enti abilitati a rilasciare titoli riconosciuti Afam: preaccademici, triennio, biennio e precedente ordinamento. In aggiunta, sono compresi anche i corsi di strumento complementare (esclusi nel 2016);
  • Bonus Stradivari
    Bonus Stradivari

    Estensione agli studenti dei Licei Musicali; Cambiano le modalità del Bonus: non più euro 1.000, ma un contributo del 65% sul prezzo di acquisto, fino a un contributo massimo di euro 2.500;

  • La legge entrerà in vigore dal 2018 (ancora deve essere confermato in quale mese), potrete già prenotare il vostro strumento a Gennaio.
Cliccare per conoscere gli strumenti dove viene applicato il Bonus Stradivari 2018

Per conoscere il suono dei nostri strumenti vi consigliamo il nostro canale Youtube, dove sono presenti molti test audio visivi.

 

Cesarini Jam Session 4.2, Valter Vincenti trio (chitarra Cesarini)

Valter Vincenti, chitarra Cesarini C-MOP con pickup C-Big Beat
Lusi basso Cesarini C-Precision mod.2 con pickup C-Close Strings (mod. flat poles)
Special Guest: Saverio Federici, batteria

Jamming on “La notte del Guerre” (brano di Valter Vincenti)

Cesarini Jam Session 4.2

CesariniJamSession è una produzione LiuteriaCesarini.

Gli strumenti e i pickup in gioco

C-Big Beat
C-Big Beat, Cesarini pickups
chitarra Cesarini Vintage Series
C-MOP, chitarra Cesarini Vintage Series

Pickup Big Beat

La ricerca del suono “semplice”, ma che abbia una certa proiezione in frequenza, non è mai stata scontata. I C-Big Beat strizzano l’occhio ai Gibson ’59, ma ne stravolgono l’essenza e il design. Un suono diretto molto efficace nei crunch, nelle ghost note, ma anche nei clean pop. Perfino nel jazz molti li hanno trovati degli ottimi compagni di viaggio (e di registrazione). Già stati montati nelle chitarre di Valter (nella Eko Aqua, come ricordiamo nel blog Valter Vincenti endorser).

Chitarra Cesarini C-MOP

Big Beat montati sulla chitarra Cesarini C-MOP,  che esprime alla perfezione il loro timbro. Les Paul tipo Gibson, chitarra Cesarini della Vintage Series , dalle caratteristiche molto interessanti. Ha camere tonali al di sotto del top, che aumentano il sustain delle armoniche più alte in frequenza. Questo timbro è perfettamente captato dai pickup, che essendo nasali al punto giusto, non risultano troppo aspri o brillanti, ma aperti di suono e con proiezione notevole. Le ghost note non vanno perse, si sentono tutte. Anche il palm muting e tutte le tecniche relative a ritmi reggae, funky, rock risaltano con questo setup. Si presenta meglio alla pagina.

Basso Cesarini C-Precision m.2

verniciatura C-Precision m.2

Modifica del primo C-Precision (lo usò Giacomo Rossetti nella tournè Negrita 2015). Basso elettrico dalle forme tipiche Fender, con manico dal capotasto stretto e manico bombato a forma di C. La particolarità è nel taglio di frequenza del body in frassino, che sembra ricordare un Music Man. Il frassino risuona ad armoniche con frequenze medio-alte che vengono gestite dallo split coil Close Strings (a poli piatti) di nostra creazione, con molta definizione. Il suono generato è molto diverso da un Precision Fender, meno “grosso” e più sottile, utilissimo in musica rock, rock/punk, fusion e per tutti quelli che cercano un suono di basso Precision tagliente. Unico controllo di volume, come un giorno mi consigliò di fare un bassista

Cesarini Pro Studio semi-professionali, violoncelli di liuteria a prezzi giusti

In questo video Mathilde Sigier suona un bellissimo tema di John Williams, con un nostro violoncello Cesarini Pro Studio, nella sua versione semi-professionale e con archetto in pernambuco Cesarini Selected.

https://www.youtube.com/watch?v=M2nnvE-PORY

Atelier Cesarini ha creato la serie semi-professionale, per dare la possibilità a tutti gli studenti, che abbiano prospettive di studio lungimiranti (Liceo musicale, Conservatorio),  di poter acquistare un violoncello a buon prezzo dalla ottima resa timbrica e dalla suonabilità eccezionale.

La serie amatoriale è invece più indicata a tutti i principianti, in particolare agli studenti che devono affacciarsi allo strumento 4/4, ma che non vogliono comprare uno strumento di fabbrica entry level.

Violoncello prezzi
Violoncello semi-professionale

Il prezzo di un violoncello Cesarini Pro Studio è ancora più conveniente nel caso si opti per un pacchetto comprensivo di archetto e custodia. Tutte le informazioni relative alla qualità e al prezzo, si possono trovare a questa pagina.

Per conoscere come vengono costruiti i Violoncelli da studio Cesarini Pro, seguire questa pagina del blog.

Liuteria Cesarini Expo – Pioracoustic 2017

Expo di Liuteria Cesarini – Pioracoustic 2017 (Centro degli studi Biblici – Montefano). Ringraziamo Danilo Vecchi e il Centro Degli Studi per l’organizzazione.Esposizione di liuteria in tre giorni a “Pioracoustic 2017” (earthquake edition), presso il Centro degli Studi Biblici.

Continua a leggere Liuteria Cesarini Expo – Pioracoustic 2017

Jam Session – Alfredo Golino e Antonio Lusi

Una Jam Session da guardare senza riprendere fiato.

One More Dub, studio di registrazione a Orvieto ed etichetta discografica, organizza questo “scontro” musicale tra i due musicisti, Alfredo Golino e Lusi.

Lusi suona con C-Gold Bronze, Cesarini Vintage Series ’70.

Lusi - Bassista
Lusi

Ricordiamo alcune prestigiose collaborazioni di Alfredo Golino. “Mina, Laura Pausini, Gianni Morandi, Vasco Rossi, Raf, Pino Daniele, Renato Zero, Eros Ramazzotti, RAF, Battiato, Fiorella Mannoia, Riccardo Cocciante, Anna Oxa, Ornella Vanoni, Marco Masini, Michele Zarrillo, Alice, Anna Oxa, Zuccero Fornaciari, Bocelli, Joe Coker, Tina Turner, Enrico Ruggeri, Platters, Enrico Rava e molti altri”

Ringraziamo Alfredo Golino e Lusi che ci regalano circa 10 minuti di jam session lineare, i due musicisti si sono praticamente conosciuti suonando e questo è notevole ai nostri occhi. SNAP Production ha pensato alle riprese dell’evento.

Cesarini Jam Session 4.1 – Valter Vincenti trio, con Luca Ravagni

Cesarini Jam Session Season 4.1 in compagnia di:

Brano “Ussa e va bene così” di Valter Vincenti, le riprese avvengono presso “One More Dub rec. studio” studio ad Orvieto.

La registrazione avviene attraverso ripresa diretta collettiva, con metronomo (dato l’utilizzo di una base composta da suoni d’atmosfera).  Valter usa amplificatore Orange e pedaliera Costa Lab, Lusi amplificazione Proamp e nessun tipo di effetto. Grande special guest è il quarto uomo, Luca Ravagni, sassofono di Giorgio Gaber.

Riprese video di SNAP production.

custom guitars
Cesarini Guitars

Per avere più info sulla C-Retilia vai quì

Violoncello da studio semi-professionale, qualità diverse a confronto (antico,studio,fabbrica antica)

Il video che segue rappresenta il dilemma di ogni studente o professionista, dove andare a cercare lo strumento “perfetto”?

Fabbrica Antica, studio semi-professionale o di liuteria?

Per conoscere le migliori marche di strumenti da studio economici entry-level consiglio questi due articoli, relativi ai due strumenti più suonati del quartetto

Violini economici da studio (tutte le misure)

Violoncelli economici da studio (tutte le misure)

L’era del web è al suo apice, ma ancora purtroppo il musicista studente o avanzato non sempre ha un’idea precisa di quello che gira nel mercato e, soprattutto, di quello di cui ha bisogno.

Il dubbio è sicuramente simbolo di capacità di discernere, troppa sicurezza spesso porta a fare degli acquisti azzardati.  Provare e ascoltare, questo è quello che consigliamo a tutti i musicisti che cercano il loro strumento.

La propria soggettività gioca un ruolo importante e non deve essere messa da parte. Il consiglio di un amico o di un professore non va mai disdegnato, anzi è prezioso, ma lo si deve cercare e non ricevere in maniera coercitiva . Questo mai deve diventare un “dictat” , il proprio gusto deve contaminarsi di varie opinioni, per rafforzarsi non per annichilirsi.

Nel video Mathilde Sigier suona tre violoncelli, nell’ordine:

Continua a leggere Violoncello da studio semi-professionale, qualità diverse a confronto (antico,studio,fabbrica antica)

Musica e Liuteria, il “Wilson”

“Musica e Liuteria” è un appuntamento di conoscenza della nostra liuteria attraverso musicisti umbri.

Violini dell’Atelier Cesarini provati dal Maestro Federico Galieni.

Nell’episodio n. 1/5 presentiamo un il violino professionale “Wilson“, dalla finitura scura a poro aperto. E’ un violino artigianale costruito nell’Atelier Cesarini. Il suono del violino nel video è caldo e allo stesso tempo molto ricco di armoniche superiori ed inferiori alla fondamentale, risulta inoltre forte di intensità.

Tavola abete rosso
Wilson tavola