EN / FR / IT
Il Liutaio

La storia della bottega

Endorser

I nostri musicisti

Essenze

I legni che usiamo

Rullanti FrankDrums


Perchè il rullante artigianale?

Questa la domanda più comune e comprensibile.

La risposta è semplice: il rullante è il cuore e anima della batteria.

Potremmo rispondere che l'artigianato è sicuramente più onesto, ecosostenibile e originale dell'industria, ma non vogliamo farne un discorso di principio. Quello che a noi interessa è il pezzo unico.

I FrankDrums non sono certamente rullanti concepiti per produzioni di massa, ogni rullante è concepito a sè. Non ci interessa lo "standard" che funziona sempre, bensì il pezzo originale.

Se il musicista troverà anche solo un rullante di suo interesse, l'obiettivo sarà raggiunto.

Doghe

Velocità di Attacco - Resistenza

Premesso che il suono di un fusto si deve trasmettere in direzione perpendicolare rispetto alle pelli, possiamo affermare che la doga offre la migliore trasmissione sonora in quanto offre questa direzione di venatura. Non vogliamo per questo bocciare qualunque produzione laminata (direzione di venatura non perpendicolare), ma sicuramente porre le relative distanze.

Spessore Fusto (10-15mm)

Minor Risonanza - Buona Intonazione - Attacco

In termini di resistenza il legno in doghe (10-15mm di spessore) - che noi non tasselliamo - presenta una notevole rigidità ed elasticità. La doga non si può rompere, al massimo si può scollare (come avviene anche al compensato), ma nel caso del compensato non possiamo restaurare. Nel caso delle doghe possiamo recuperare il fusto con una semplice operazione.

Un fusto spesso conserva meglio l'energia data al momento della percussione, la sua rigidità comporta una scarsa dispersione di energia sul fusto. Il suono sarà molto più potente, incentrato sulla nota di base e sulla seconda armonica consonante. Ideale in studio, perchè si accorda bene e non presenta note lunghe dissonanti.

Al contrario un fusto sottile tende a vibrare di più se percosso, questo porterà ad avere più risonanza, perciò sarà meno gestibile. Il suono che deriverà perciò sarà inoltre con minor volume, in quanto troppa risonanza porta ad avere delle onde sonore che si annullano in parte (controfasi) , con conseguente perdita di volume. Per questo alle volte viene aggiunto un secondo punto di uscita d'aria.

Pelli per fusti spessi

Il fusto spesso è molto più sensibile di quello sottile al cambio di pelli diverse, poichè il contributo al suono globale di un fusto spesso è minore, in quanto meno risuonante. La scelta di pelle sarà quindi importante.

Volume d'aria e diametro

Attacco - Timbro - Risonanza

La lunghezza del fusto influisce prevalentemente sulla velocità di risposta della cordiera e sulla durata della nota prodotta. Con le variazioni di diametro si agisce invece sul timbro.

Realizziamo rullanti da 6"a 15" di diametro.

Lavorazione Angolo Cerchio (Bearing Edge) e rinforzi del cerchio

Attacco - Dinamica - Risonanza - Timbro

Realizziamo tutti i tipi di angoli.

Ad ogni angolo corrispondono almeno 2 tipi di smussi:


Da dove prendiamo il legno per le doghe e quale legno?

La scelta del legno in realtà è l'ultima ad essere presa in analisi perchè dipende dall'angolo scelto e dal volume d'aria in gioco.

Il legno enfatizza/limita il campo di frequenza creato, quindi il timbro generale dello strumento.

Il legno viene lavorato perfettamente rasato all'interno, trattato con olio siccativo, per creare una superficie perfettamente riflettente (non realizziamo rullanti con facce squadrate interne).

Guarda i legni che utilizziamo

Verniciatura a poro "vivo"

Un altro punto di forza!

I nostri prodotti, essendo in legno massello, non richiedono una forte verniciatura invasiva.

Con una finitura sottile le peculiarità del fusto rimangono "vive" perchè il poro del legno non viene chiuso.

Cerchi e cordiera, tendicordiera

I cerchi sono due flange, solitamente di metallo (acciaiozinco, leghe) che servono a tenere le pelli in tensione sul fusto. Nei cerchi sono presenti degli "occhielli" che permettono ai tiranti (lunghe viti in acciaio) di regolare la tensione delle pelli, avvitandoli nei blocchetti (l'oggetto per l'ancoraggio al fusto) mediante una apposita chiave (la stessa che, di solito, serve a smontare e a rimontare l'intera batteria e a regolare pedali e meccaniche). Il numero dei tiranti varia, per i rullanti da 14", da otto a dieci. Tuttavia esistono anche modelli dotati di un maggior numero di tiranti. Con un maggiore numero di tiranti la tensione sul cerchio è maggiormente distribuita e quindi il cerchio subisce minore flessione. Questo contribuisce ad una tensione della pelle più omogenea, e quindi consente di ottenere un suono più intonato. Per contro, un maggiore numero di blocchetti riduce la risonanza (ciascun blocchetto è fissato al fusto tramite una o più viti).

Alcune ditte hanno in produzione modelli di rullanti "free floating", in cui i tiranti consentono di tenere insieme i cerchi e di accordare le pelli senza forare il fusto del tamburo. Rispetto ai normali cerchi per tamburo, i cerchi powerhoop (più spessi) e i cerchi die-cast (pressofusi) mantengono una certa rigidità durante la trazione; essi inoltre hanno maggiore volume quando utilizzati nella tecnica del rimshot (che consiste nel colpire contemporaneamente, con la bacchetta, la pelle battente e parte del cerchio).

Crea la tua signature

"La nostra etichetta cerca di essere rappresentativa della filosofia 'unico e irripetibile'"

È fatta di leggerissimo alluminio fresato 0,5mm inox, che non appesantisce il rullante, ne può creare risonanze o vibrazioni impreviste. La parte scritta è realizzata tramite adesivo o tampografia.

Può essere realizzata la signature personale solo dagli endorser della Liuteria Cesarini. Se vuoi lavorare con noi consulta l'apposita sezione.

Liuteria Cesarini Via F.Gualterio 24/e, 06132 (Perugia, Umbria) - Italia FacebookP.Iva 03245550540credits